Close

Un po’ di leggerezza con storie nuove e interessanti di Google

Non c’è mai un momento di noia nel grande mondo di Google, e ci siamo imbattuti in alcune storie particolarmente interessanti nell’ultimo mese. Le reti neurali aiutano a creare la tecnologia del rilevamento bacio Proprio così, il “rilevamento bacio” è una funzionalità reale nell’app Fotocamera Pixel 3 in modalità Photobooth, parte delle sue migliori capacità di presa selfie . La modalità Photobooth è ottimizzata per la fotocamera frontale e lo sviluppo di questa nuova modalità di rilevamento ha richiesto l’utilizzo di due modelli: uno per le espressioni facciali e uno per rilevare quando le persone si baciano.  

Costruisci il tuo dispositivo intelligente

La nuovissima piattaforma Coral , progettata per rendere più facile lo sviluppo di hardware IA, è ora disponibile attraverso diversi distributori globali. I prodotti Coral includono una scheda di sviluppo, un acceleratore USB e una fotocamera, il tutto alimentato da Edge TPU di Google AI, un chip ASIC progettato su misura che fornisce inferenze ML ad alte prestazioni per dispositivi a bassa potenza.

Panoramica di un architetto di Cloud Google

Il concetto di un progetto in GCP, che è uno spazio che raggruppa le risorse e per impostazione predefinita non è disponibile in altri progetti. Esistono anche tag di rete per semplificare la creazione di regole firewall e alcune funzionalità sulla console che gli utenti amano.

Serverless e contenitori, meglio insieme

Serverless dovrebbe essere definito “di servizio”, afferma un intervistato di questo podcast GCP sulla nuova versione di Cloud Run, poiché l’esecuzione di container senza server nel cloud consente di concentrarsi sul codice e sui servizi di costruzione, non sull’infrastruttura. Cloud Run consente di eseguire qualsiasi linguaggio, binario o codice in un contenitore nel cloud e fornisce il modello pay-per-use per cui serverless è noto. Esistono due versioni: Cloud Run, il servizio completamente gestito per l’esecuzione di contenitori senza server e Cloud Run per GKE, che esegue il calcolo all’interno del cluster GKE.

Google Earth Time lapse mostra il mondo go round

Il team di Google Earth ha rilasciato alcuni nuovi aggiornamenti il ​​mese scorso a Google Earth Timelapse , una visualizzazione video della superficie del nostro pianeta dal 1984 al 2018. Se non lo hai ancora verificato, è ora disponibile per vedere su dispositivi mobili e tablet. È uno sguardo molto interessante su come è cambiata la Terra, ad esempio come è cresciuta Las Vegas o come sono aumentate le frane su un’isola. La visualizzazione utilizza Google Earth Engine per analizzare oltre 15 milioni di immagini satellitari e utilizza la tecnologia CREATE Lab di Carnegie Mellon per rendere il video interattivo. E per un tocco in più di ispirazione, guarda come uno studente delle scuole superiori utilizza Google Earth Engine al suo stage NASA per monitorare gli ecosistemi di mangrovie.    

About         Servizi         Certificazioni         Portfolio         Blog         Contatti

Post correlati