Close

Visualizzazione delle metriche di velocità per migliorare SEO, UX e entrate

Sappiamo quanto sia importante la velocità della pagina per Google, ma perché, esattamente? Con i crescenti benefici per SEO, UX e fedeltà dei clienti che inevitabilmente si traducono in entrate, ci sono più ragioni che mai per concentrarsi sulla velocità del sito e diventare abili nel comunicare il proprio valore agli sviluppatori e alle parti interessate. 

Iniziamo dando un’occhiata a come Google comprende effettivamente la velocità. Sappiamo tutti che un sito più veloce generalmente porta a un’esperienza utente migliore. Ma Google non lo ha in realtà incorporato direttamente nei loro algoritmi fino a poco tempo fa. Non è stato fino all’aggiornamento della velocità mobile, a luglio, che Google ha davvero iniziato a guardare alla velocità. Ora è probabile che sia presente solo un segnale di classificazione secondario, perché la rilevanza sarà sempre più importante della velocità di caricamento effettiva della pagina.

Ma la cosa interessante di questo aggiornamento è che Google ha effettivamente confermato alcuni dettagli su come comprenderanno la velocità. Sappiamo che è un mix di dati di laboratorio e sul campo. Raccolgono dati di laboratorio da Lighthouse, dagli strumenti di sviluppo di Chrome e li mescolano con i dati degli utenti di Chrome anonimi. Questo è disponibile nel rapporto Esperienza utente di Chrome.

PageSpeed ​​Insights

Il primo e più semplice metodo è andare a PageSpeed ​​Insights. Ora basta inserire la pagina a cui sei interessato e restituirà alcune metriche insieme a Lighthouse e una serie di consigli su come migliorare effettivamente le prestazioni del tuo sito. Questo è davvero utile, ma offre solo un’istantanea piuttosto che non è molto utile per il monitoraggio continuo in quanto tale.

Quali sono le statistiche di scansione della Search Console

La Google Search Console (o, come veniva chiamata, Strumenti per i Webmaster di Google) è un tool gratuito messo a disposizione da Google per ottimizzare, analizzare e controllare lo stato del proprio sito web o blog nei risultati di ricerca.

Una volta che sei in grado di visualizzare i dati, cosa dovresti effettivamente fare con essi? Bene, ho alcuni casi d’uso qui.

Il primo è che puoi ottenere un buy-in dalla direzione, dai clienti, per i vari interventi di ottimizzazione. Ad esempio, se puoi dimostrare di stare dietro i concorrenti, questa potrebbe essere una buona base per avviare alcune iniziative di ottimizzazione.

Una volta avviate queste iniziative di ottimizzazione, è possibile comunicare gli impatti che stanno effettivamente avendo sul rendimento e anche le metriche aziendali. È possibile seguire questi diversi parametri di rendimento di mese in mese e sovrapporre le varie metriche di business. Potresti voler valutare i tassi di conversione. Potresti voler controllare la frequenza di rimbalzo, ecc. E mostrarli fianco a fianco in modo che tu possa vedere se stanno migliorando come anche le prestazioni del sito stanno migliorando.

Sito più veloce = migliore UX, migliore fedeltà dei clienti e un crescente vantaggio SEO

Questi sono diversi modi in cui è possibile visualizzare metriche davvero utili, perché se si dispone di un sito più veloce, si otterrà un’esperienza utente migliore . Ciò si tradurrà in una migliore fidelizzazione dei clienti , perché se offri ai tuoi utenti un’esperienza fantastica, è più probabile che ritorni da te piuttosto che andare da uno dei tuoi concorrenti.

C’è anche un vantaggio SEO in crescita . Non sappiamo come Google cambierà i loro algoritmi in futuro, ma non sarei sorpreso se la velocità aumentasse sempre di più come segnale di classifica.

About         Servizi         Certificazioni         Portfolio         Blog         Contatti

Post correlati